Home Squadra Società Campionato Foto Gallery Link Forum Chat Info
 Cerca: Sito Web Ultimo aggiornamento: domenica 23 aprile 2017 - 03:27 20 Ultimi Articoli Pubblicati Fai di questo sito la tua Homepage Inviaci una e-mail
 

Categorie News

   Baseball Rimini
   Notizie Flash
   Settore Giovanile
   Rassegna Stampa
   Rubriche
   Interviste


Stagione

   Roster 2017
   Risultati
   Classifica
   Playoff

Roster


Foto della settimana


Newsletter

Iscriviti
Cancellati

Rehacek: “A Rimini per dimostrare il mio valore”
4,44 / 5 (9 voti)   Versione stampabile E-mail ad un amico
Gionni Luciani, ultimo acquisto dei Pirati
• Sarà il terzo ricevitore del roster riminese
Paolo Ceccaroli si presenta
• Il suo staff tecnico sarà formato da Illuminati,Heredia,Gambuti e Palumbo
lunedì 21 marzo 2011 - 08:11
“Ho scelto la Telemarket per provare una nuova esperienza”

Nonostante abbia compiuto 24 anni soltanto lo scorso dicembre, di Jan Rehacek non si può di certo dire che difetti di conoscenza del baseball internazionale: oltre ad avere esordito giovanissimo nel campionato del proprio paese (la Czech Extraleague), infatti, il nuovo pitcher dei Pirati può vantare anche un paio di campionati in Olanda con i Konica Minolta Pioniers e, soprattutto, un’esperienza biennale negli Stati Uniti con Minnesota. Ora, per il mancino di Ostrava, si prospetta la terza avventura fuori dalla Repubblica Ceca, quella con la casacca neroarancio della Telemarket.
“Che cosa mi aspetto da questa mia prima stagione in Italia? Sicuramente di aumentare il mio bagaglio di esperienza e di diventare un lanciatore ancor più forte – confessa il diretto interessato, che vestirà la casacca numero 54 – Inoltre, avrò la possibilità di conoscere e confrontarmi con i miei nuovi compagni di squadra e di imparare dai consigli e dagli insegnamenti dei miei allenatori, anch’essi nuovi per me”.
Che cosa conosci del baseball italiano?
“So che qui il livello del gioco è più alto rispetto ai campionati che ho disputato finora e quindi sono ben consapevole di come mi aspetti un compito tutt’altro che semplice. Però ho tutta l’intenzione di farmi trovare pronto e di dimostrare il mio valore. Per il resto, ho già avuto modo di conoscere sia Marquez che Di Roma, avendo affrontato entrambi con la maglia della nazionale. E poi a Rimini ritroverò Ruzic, mio avversario in Olanda con il Neptunus: Dushan è davvero un grande lanciatore”.  
Che tipo di pitcher sei?
“Posso essere impiegato come rilievo o closer, a seconda delle esigenze. Il mio lancio migliore è la split-finger, diciamo che la mia palla veloce viaggia tra le 87 e le 90 miglia”.
Lo scorso anno, dopo un paio di stagioni, si è concluso il tuo rapporto con i Twins.
“Sì, il fatto è che negli Stati Uniti ci sono tanti giocatori e per chi, come me, viene dall’Europa, è molto difficile salire di livello, perché gli europei non sono visti di buon occhio. Rimpianti? Non direi, piuttosto sono arrabbiato, perché non mi è stata data la possibilità di dimostrare le mie capacità in un livello più alto della Rookie League. Sono rimasto con Minnesota fino allo scorso luglio, lanciando sia negli spring training che negli extended spring training. Poi, quando ho saputo che sarei stato assegnato nuovamente alla formazione di Rookie, ho deciso di tornare in Europa e di concludere la stagione nel mio paese. Al di là di tutto, comunque, quella americana è stata una bella esperienza, alla quale mi sono presentato già con una buona preparazione: provenendo infatti dal campionato olandese, avevo già avuto modo di misurarmi con ottimi battitori”.
Quindi quello con il baseball Pro Usa è un capitolo ormai chiuso.
“Beh, dipende. Se mi venisse offerto di lanciare nuovamente in Rookie League non accetterei, lo farei soltanto se si trattasse almeno del campionato di Singolo A”.
Come è nata la decisione di venire a Rimini?
“In realtà, avevo ricevuto un’offerta anche dai Pioniers, però ho scelto la Telemarket perché mi ha proposto un contratto migliore. E poi dell’Olanda, avendoci già giocato un paio d’anni, conoscevo ormai tutto e io, invece, sentivo la necessità di fare un’esperienza diversa, per imparare qualcosa di nuovo e misurarmi con una realtà che non conoscessi già”.
Fuori dal campo che persona sei?
“Il baseball è la mia professione, per cui cerco sempre di mantenere un comportamento corretto e consono al ruolo di atleta. Per il resto, credo di essere un buon compagno di squadra, uno sempre pronto a dare una mano agli altri”.

 

 


Ultime News

Rimini - San Marino 1-3
• Pirati ancora sconfitti, la terza consecutiva
I Pirati al debutto casalingo
• Venerdì e sabato ore 20:30 contro il San Marino
Campagna abbonamenti 2017
• Tessere in vendita da venerdì allo Stadio di Pirati
Novara - Rimini 7-4
• Pirati ancora sconfitti. Lanciatori sotto tono e squadra fallosa in difesa
Novara - Rimini 5-1
• Sconfitta dei Pirati nella prima di IBL
Inizia il campionato di Baseball 2017
• I Pirati giocheranno a Novara. Intervista al Manager Ceccaroli
L'amichevole precampionato dei Pirati
• Il Rimini si aggiudica il Torneo di Bologna
L'amichevole Padova-Rimini
• Valevole per il torneo Blue F Ball di Bologna
Il calensario IBL 2017
• Date ed orari delle partite dei Pirati
Il resoconto dell'amichevole Rimini - San Marino
• Disputate due gare di sette inning


Interviste

Intervista a Sandy Patrone
• E' pienamente recuperato dopo l'intervento al gomito del 2012.
Escalona: " Il mio obiettivo è vincere lo scudetto"
• Intervista al nuovo lanciatore dei Pirati


Foto News



Sondaggio

Date un giudizio sui Pirati 2017

ottimo
sufficiente
mediocre


Archivio News

LunMarMerGioVenSabDom
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Rimini Baseball - Sito Ufficiale
Sito web creato con CMS © ItaliaPHP da Fabio Bertazzoli
© baseballrimini.net e © ItaliaPHP
All Rights Reserved-Copyright © 2006-2014
Sito ottimizzato per I.E.-Firefox-Opera-Netscape con risoluzione video 1024x768 pixel